Autore

  • Milano-Venezia-Slow

Condividi

MI-VE - Tappa 06 in bici (10/09/12) - Da Borgofranco sul Po a Ferrara - 54,1 km

lun 10 Set 2012

Incontro con Servizio Turismo Provincia di Ferrara

Ferrara è la città delle biciclette! Roberto Ricci Mingani ci illustra le attività della Provincia di Ferrara per lo sviluppo del cicloturismo.


Perché mi metto in cammino

Prima credevo di saperlo bene, adesso non sono più così sicuro.
Per testimoniare, per capire, per conoscere, per portare un messaggio... non sono sicuro.
Forse solo perché sto bene mentre cammino? Forse.
Ma allora potevo andare a camminare con la mia famiglia.
Perché sono proprio qui, a Ferrara, tra cosce e zanzare, “certe notti” te lo devi proprio chiedere.
Domani partiamo per Venezia. C’è la conferenza internazionale sulla decrescita... e io cosa posso fare col mio cammino?
Incontrare realtà virtuose di cui portare testimonianza... ma è stato anche abbastanza difficile trovarne di realtà virtuose... è stato difficile anche trovare posti che ci ospitassero per la notte, anche solo mettere giù quattro tende e quattro asinelli, un prato, è stato difficile trovarlo, qualche volta... Dai, non dire così, qualche volta no, non è stato difficile, ci aspettano gruppi di entusiasti, ma vedremo, inutile pensarci ora...
Ora però c’è da chiedersi perché mi metto in cammino... conosco Massimo e i suoi asinelli, gli altri non li conosco... sono guida ma questa volta non devo fare la guida... o devo farla?
Che si aspettano da me?
C’è Guido Ululaallaluna, questo è bello, perché ha con se uno striscione allegro che è il nostro slogan, dice che dobbiamo “reincantare il mondo”.
Ah si?
L’ha detto Latouche.
Ah si?
Se non so neanche reincantare me stesso.
Ah, ecco il punto. Reincantare se stessi per reincantare il mondo.
Già qualcosa, già qualcosa.
Però cerchiamo di essere onesti. Tutto questo mettersi in cammino per fare del bene all’umanità, è poco credibile. Quindi cercherò di fare del mio meglio, ma camminare è un piacere, e a me piace camminare. Ecco perché oggi sono qui.
Per reincantare me stesso, nella speranza si possa anche reincantare il mondo.

Poi però ho scoperto che a Ferrara c’è un terreno agricolo di 4 ettari dentro le mura, nel centro storico, e ho scoperto che è il più grande terreno agricolo in un centro storico d’Europa che è gestito da una Associazione steineriana, Terraviva, che fa tante cose di grande valore, dall’apicoltura biodinamica all’orto condiviso, dal cosmogramma per meditare al frutteto di frutti antichi. Poi siamo stati a cena al Centro Sociale Via della Resistenza, 34, e ci hanno ospitati con generosità, una cena per tutti noi e un concerto di pizzica e tarante. E abbiamo ballato.
E allora un senso ho cominciato a vederlo.
E allora ho aperto la mia scatola di cartone che avevo portato fin qui.
Il primo gesto concreto che farò lungo il cammino è regalare un libro a chi incontro, ho con me una scatola piena, un bookcrossing camminante, possibile solo grazie agli asinelli che la trasporteranno sul basto. Al centro sociale ho lasciato “Indignatevi!” di Hessel, all’Associazione Terraviva “L’arte del camminare”.
Un saluto a tutti, appuntamento ogni sera su questi schermi (se la Forza lo vuole).

Lukas Deepwalker


10 settembre 2012
Centro sociale di Ferrara, via Resistenza 34

Quale miglior avvio del nostro cammino?
La decrescita felice ha un suo concetto chiave.
È la convivialità
Spiegano i sociologhi americani che il motivo per cui viene diffuso il valore dominante dell’individualismo e del farcela da soli è molto semplice, una specie di uovo di colombo.
L’essere umano che si sente solo… soffre.
E soffrendo, consuma di più.
Il re è nudo.
La civiltà consumista deve basarsi sulla nostra solitudine esistenziale.
L’empatia negata va compensata col consumo di merci, oppure di droghe, che a volte si chiamano psicofarmaci.
Se amicizia e amore fossero coltivati, sapendo che sono la fonte della nostra felicità, non avremmo bisogno di riempirci la vita di tanti oggetti inutili.
Liberare la nostra mente impigrita e viziata dal superfluo, passa allora dall’educarci alla pratica della socialità.
Il centro sociale di Ferrara, non a caso sita in via Resistenza, ne è uno splendido esempio.
Nato come luogo d’incontro di anziani, è ora occasione di aggregazione sia di tanti giovani, che di gruppi creativi impegnati in un tentativo di cambiamento.
Aggregazione, dialogo, festa. Sono premesse e supporto alla lotta.
Non si ottiene un mondo migliore restandosene ognuno per conto proprio.

Guido  Ulula alla Luna


10 settembre

Il gruppo della Milano Venezia Slow si compatta a Ferrara. Nuovi camminatori, Maria Grazia, Lucia, Raffaella, Luca, si uniscono al gruppo dei ciclisti. (Vincenzo, ultimo partecipante - last, but not least - ci raggiungerà la mattina di giorno 11). Il punto di ritrovo è il Centro Sociale Resistenza (in via Resistenza 34, appunto). I locali del Comune ospitano diverse attività e associazioni: il centro anziani, un gruppo studentesco e il Gas Città Nova. Una serata all’insegna dell’accoglienza e della convivialità, con una lunga tavolata innaffiata di vino e un concerto di danze popolari che ha rallegrato ciclisti e camminatori (grazie di cuore a Valeria Ferioli che ha organizzato tutto questo). Così tra un bicchiere di vino e una taranta il gruppo, finalmente al completo, inizia ad affiatarsi.

La sera si va a dormire nel parco Nuova Terraviva, un paradiso biologico immerso nella città. Andrea Gandini, referente dell’associazione, ci spiega che è il parco agricolo più grande d’Europa. Ispirato alla filosofia steineriana (che ha come scopo l’evoluzione dell’essere umano nella sua integrità), organizza corsi, laboratori artistici, campi estivi per bambini. Ampi spazi sono coltivati secondo i principi dell’agricoltura biodinamica. C’è un importante progetto per il recupero di alberi antichi (“I patriarchi da frutto”), un apiario per svolgere attività di apicoltura, e un progetto di onoterapia con gli asini, a cui collaborerà Massimo Montanari.

Raffaella Spadola


A Ferrara siamo stati ospiti dell'Associazione steineriana Nuova Terraviva, che gestisce il parco agricolo dentro le mura. Il presidente Claudio Scaglianti ci racconta le loro attività.


Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook

Sommario del diario

Mappa

Risorse nelle vicinanze...loading

Altre pagine di diario